Autore: Peretz Green

Traduzione dall'ebraico: Davide Levi

 

Messagio dell'Archangelo Gabriele

 

 

Voi non capite la questione di Malchitzedek

 

Voi non capite chi è Malchitzedek, da dove proveniva la sua conoscenza per essere egli Sacerdote a Dio Altissimo (EL ELION) ed in che cosa consisteva la sua mansione. Tante supposizioni, ma poche cognizioni, se non quella che egli era re di Shalem (la Gerusalemme di allora), una figura enigmatica con un'oscura allusione messianica. Dopo la vittoria di Abramo sui cinque re, egli si presentò con pane e vino, benedisse Abramo nel nome di EL ELION e ricevette la decima degli averi del Patriarca. Oltre a ciò, pochi sanno che Malchitzedek frequentò la scuola di Shem ed Ever, che era nascosta in una grotta santificata, e fu lì che apprese il segreto dell'Unità di Ha Shem e il Suo Nome EL ELION. Lì ricevette anche il suo ruolo di Sacerdote ad El ELION mirato a diffondere la conoscenza dell'Unicità del Creatore a tutti coloro che avessero voluto riceverla da lui. Abramo era solo nella sua fede fino a quando Malchitzedek divenne Sacerdote ad EL ELION e gli fu dato il compito di diffondere la conoscenza della verità. Questo viene accennato nella "Valle dell'Uuguaglianza" (Emek shavè - Genesi 14, 17), il luogo in cui Abramo e Malchitzedek si incontrarono. Il nome Malchitzedek testimonia del suo ruolo messianico, e quindi il Messia è chiamato Re, perché è Re sulle questioni di giustizia. Malchitzedek proclama che Dio è il Re dell'universo e ama la giustizia tra le persone ed è per questo che fu unto con olio regale e assunse il titolo di re e sacerdote a Gerusalemme. Malchitzedek conobbe Abramo che era stato scelto da Dio per essere "padre di una moltitudine di genti". Tamar era la nipote di Malchitzedek e assimilò la sua tradizione e per questo ricevette il seme di Giuda per dare alla luce un re dalla casa reale che sarebbe diventato anche un uomo di giustizia e un sommo sacerdote e sarebbe stato il Messia di Dio che proclama che "la giustizia è il mio re" (tzedek – malchi). I Segni della Gheulà Shlemà iniziano con il Segno delle Stelle del Libro delle Stelle dato ad Abramo, e la Stella del Messianesimo Universale è la Stella di Malchitzedek che ruota da 2000 anni, mentre la Stella di Abramo ruota da 4000 anni. La sua intenzione desiderata è di far concludere il lungo periodo di 4000 anni per far conoscere la sua posizione in rapporto alla Stella di Abramo per poterle concedere la decima di tutto. Nel Segno, tale Stella prende il nome di Stella di Cristo che viene in virtù dell'umiltà. E perché? La Stella di Malchitzedek, quantunque avesse compiuto un'orbita di 2000 anni, si ritrovò in una posizione speciale nel contesto di un nuovo ordine stellare riguardante i tempi futuri e assunse un nuovo nome secondo l'unzione universale. Pertanto, il suo nuovo nome era "Mashuah", che in greco è "Cristhos" (Unto), perché il suo scopo era quello di diffondersi tra le nazioni del mondo, influenzata principalmente dalla Grecia e in seguito da Roma. O Casa di Israele, non vi separaste dalla Terra Santa su tappeti di rose e brezze profumate! Nella congiunzione della Stella del Messianesimo, la casa di Giuda era immersa nel male priva dell'umiltà di Mosè. E poiché in quel frangente la Stella di Abramo era nel punto più lontano dalla Stella di Cristo, il messianesimo ne uscì distorto e falsato. I piedi dell'Annunciatore salirono sulla vetta del Monte degli Olivi; ma i piedi dei capi popolo fecero tanti passi falsi e caddero e non riuscirono più ad andare avanti. Fu un tempo di conflitti e di odio gratuito, dove un marito picchiava la moglie che aveva osato fare la carità alla vicina povera. E non c'era pietà per il povero e per la vedova. Ma lo zelo di giustizia di Dio predilige gli spiriti umili e Dio non abbandona la Sua Torà e la Sua misericordia non ha fine. Vieni, ascolta, o Casa d'Israele, e non aver paura della verità, poiché dalla verità uscirà Zion e dal timore del Signore uscirà la Torà. Dio non ama coloro che deridono la semplicità del cuore e si fanno beffe degli ingenui. L'Eterno irradia la Sua luce sugli umili e colpisce chi froda i poveretti. Fino a quando il Suo popolo dirà a Dio che Malchitzedek ama e opera il bene per il Suo popolo eletto. Dio distrugge i cuori malvagi, spezza l'ostinazione dei malfattori e scatena la Sua collera sulle moltitudini del vizio. E Malchitzedek ruotò intorno alla Stella di Cristo e invocò il popolo santo a seguire il Re di Giustizia e quando apparve la Stella di Abramo invocarono Dio in virtù dell'umiltà di Gesù. E quando la Stella ritornerà e diventerà un altro Malchitzedek, riceverà la decima parte da tutto ciò che la Stella di Abramo darà alla fine dei giorni all'avvento del Goel e attingerà l'acqua da una fonte di vita e adorerà Dio per sempre. Poiché il Goel risiede nel Regno dei Cieli, modesto ed umile, e Dio fa riuscire tutte le sue azioni e le sue missioni a beneficio della Gheulà. E tornerà EHEYE ASHER EHEYE, e crederanno in Dio e in Mosè Suo servitore e non sbaglieranno più sull'uomo, perché di uomo si tratta e non di Dio. E Dio manderà sulla terra il Segno dell'Asino Unto di Betlemme e non sarà un re ma un Asino che raglia parole di giustizia per la gioia dei fedeli. E l'Altare di Malchitzedek verrà eretto nella Casa della Redenzione e ad essa convergerà l'ossequio dei popoli e così al Giudice Unto nel Regno dei Cieli che dichiara che siamo tutti una sola carne.